Archivio | poesia RSS feed for this section

567. La ricerca (anche da fermo) del desiderio.

20 Lug

http://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/f/fe/Salmacis_%26_Hermaphroditos_4.jpeg

Salmace & Ermafrodito, stampa del 1581.

Il cavalier Marino scriveva da Ravenna a Bernardo Castello, nel 1606 (non posso giurare che la data sia esattissima, perché copiazzo dall’antica edizione Laterza del 1911, Borzelli & Nicolini curr.):

[…] Un personaggio principale, a cui non posso mancare, ha raccolto in molti anni da molti e diversi maestri, e particolarmente da’ più famosi che oggidì vivano, un buon numero di disegni quasi nella medesima forma che son quelli che si veggono nelle stampe di Pierino del Vago, e n’ha messo insieme un libro il qual tiene per suo trastullo. Egli ha notizia del sommo valore di V.S.; onde disidera qualche fantasietta di sua mano, tirata o di penna o di lapis o di chiaro oscuro, rimettendosi in quanto alla invenzione in tutto e per tutto all’arbitrio del suo capriccio […] Continua a leggere

563. Quattro versi di Montale.

8 Lug

https://i0.wp.com/www.forumlive.net/tuttiinscena/storiagenova/images/upupamulas1.jpg
Non chiederci la parola che squadri da ogni lato
l’animo nostro informe, e a lettere di fuoco
lo dichiari e risplenda come un croco
perduto in mezzo a un polveroso prato.
Ah l’uomo che se ne va sicuro,
agli altri ed a se stesso amico,
e l ’ombra sua non cura che la canicola
stampa sopra uno scalcinato muro!
Non domandarci la formula che mondi possa aprirti,
sì qualche storta sillaba e secca come un ramo.
Codesto solo oggi possiamo dirti,
ciò che non siamo, ciò che non vogliamo.

Sono effettivamente versi che possono essere impiegati per avvertire che si sta attraversando una crisi d’identità; o che essa crisi è una condizione non accidentale e non passeggera; ovvero che la crisi stessa è coessenziale a quell’identità.

Sono tratti (non occorre dirlo, ma melius abundare, anche qualora dia vieppiù l’impressione di essere deficienti) dagli Ossi di seppia (1925), prima raccolta poetica, e forse la migliore, di Eugenio Montale (1896-1981).

Continua a leggere