Archivio | contro i propalatori di notizie false su la guerra. lettera pastorale al popolo ambrosiano di s.e. il card. ildefonso schuster RSS feed for this section

614. Scheda: Schuster, “Contro i propalatori di notizie false su la guerra. Lettera pastorale al popolo Ambrosiano di S.E. il Card. Ildefonso Schuster” ([1942]).

23 Ago

Il card. Ildefonso Schuster, vestito da casa, medita sul destino degli orfani.

Ildefonso Schuster (1880-1954), Contro i propalatori di notizie false su la guerra. Lettera pastorale al popolo Ambrosiano di S.E. il Card. Ildefonso Schuster. Compagnia di San Paolo Milano – “Stampato nella Tipografia PASSONI & VENTURA – Milano, Via Cardinal Federico 7”, opuscolo di pp. 23 [+1], in-32°, Milano [1942].
Vibrante lettera pastorale dell’arcivescovo di Milano, datata il giorno della Presentazione di Maria al Tempio, cioè il 21 novembre. Essa lettera risponde alle dicerie diffuse tra la popolazione e i militari, che la chiesa appoggî economicamente il nemico. Tre sono i papi che si sono succeduti sul soglio di Pietro tra la I e la II Guerra: Benedetto XV, Pio XI e Pio XII. Schuster ricorda come il papa abbia sempre e comunque appoggiato la causa della pace durante ambo i conflitti: specialmente con l’invasione della Cecoslovacchia il 30 09 1938, Pio XI, ormai decrepito, ha alzato la voce in favore della cessazione dei conflitti, offrendo il sacrificio degli ultimi giorni della sua stessa vita a questo scopo, avendo chiamato da dio la dispersione di chi fomenta guerra già nel 1935. Pio XII ha svolto un’intensa opera diplomatica, vôlta a creare intese, ponendosi sulla stessa linea. Ma le voci insistono su fantomatiche sovvenzioni che la chiesa farebbe al nemico, e si dice che persino abbia venduto le campane per questo scopo. Da una parte c’è l‘indipendenza del governo della chiesa, che, ricorda IS, ha tenuto testa ai despoti bizantini, ad Enrico IV di Germania, al Barbarossa, e, dice più avanti, a Napoleone, allorché – è l’ultimo caso – il sommo pontefice preferì languire in prigione piuttosto che appoggiare il blocco continentale contro l’Inghilterra. Ricorda le parole con cui s. Ambrogio, al concilio d’Aquileja, esortò gl’imperatori Graziano, Valentiniano e Teodosio a “non disturbare” il papa, padre comune di tutt’i cristiani. Continua a leggere