853. OTONE, Atto IV., Scena II.

27 Apr

Scena II.
VINIO, OTONE, PLAUTINA.

 

OTONE.
Signore, ah voi impeditele, ché Plautina…

VINIO.
Signore,
Tutto impedir possibile v’è purché abbiate il cuore.
Dei nostri fati oppostosi all’asprezza importuna
Va il cielo in mano dandovi ogni nostra fortuna.

PLAUTINA.
Signore, a noi spiegatevi.

VINIO.
Poc’anzi ebbi a vedere
Che imperatore ad essere basta solo volere.

OTONE.
Ah! Signore, io v’abdico, salvo che con Plautina…

VINIO.
D’un trono impadronitevi cui il cielo vi destina,
E, da voi stesso a scegliere con chi dovrà occuparsi,
Date ai destini prosperi ajuto ad avverarsi.
Pisone dall’esercito fu visto, ma il brusio
Quasi all’ingiuria fattavi chieder pareva il fio.
Galba innanzi spingendolo, tutto severità,
Negò a speranze adito di liberalità.
Poteva sotto maschera di finta promissione
Spargere in mezzo ai militi un po’ di distensione;
Ma trovò preferibile ben alto protestare
Che sapeva ben scegliere coloro, e non comprare.
Durezze che, inflessibili e a un tratto palesate,
Gli orrori richiamarono dell’empietà passate,
Quando di Spagna al volgersi a Roma, empì il cammino
Di Romani immolatisi al suo nuovo destino,
E del sangue bruttandone di quelli ogni contrada,
Fatto nuovo carnefice, s’aprì così la strada.
Così non posto ha termine Pisone al suo discorso
Che tra ordine e ordine il vostro nome è corso,
Quattro dei più affidabili a me l’han confidato,
E l’impero e l’esercito per voi assicurato.
Presto voi là recatevi, dunque, là li cercate,
Nel campo ormai seguiteli, e ve ne assicurate,
Tutto è nel coglier l’attimo.

OTONE.
Se quest’astro contrario
Che m’ha…

VINIO.
Senza discutere, compite il necessario,
D’esitazione un attimo può tutto sconcertare,
E il sospetto più pallido vi può far arrestare.

OTONE.
Prima d’andarvi, lecito mi sia se vi protesto…

VINIO.
Partite; e come autocrate voi ci direte il resto.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: