843. OTHON, Atto II., Scena III.

8 Apr

Scena III.
PLAUTINA, LACO, MARZIANO, FLAVIA.

 

LACO.
Vuol Galba accondiscendere ai vostri voti ormai;
E grazie alla mia opera, da questo dì presente
Egli al nuziale vincolo d’Otone e voi consente.

PLAUTINA.
Signore, alcunché ditemi. Potreste voi soffrire
L’imene che, a suo ordine, vien Laco a me ad offrire?
Il sire ciò delibera, avete altro pensiero
Voi, che ognuno considera secondo nell’impero?
O insino a questo vincolo mi convien rinunciare?
O devo per vostr’ordine solo a voi aspirare?

LACO.
Non vi riesco a comprendere, Signora.

PLAUTINA.
Il suo gran cuore
Mi faceva, ora è un attimo, presente del suo ardore;
Otone ebbe a promettere che mai non m’otterrebbe,
Facendomi comprendere che un no ci perderebbe.
Ora però annunciandomi venite cosa opposta,
E io non so decidere quale darvi risposta.
Come in certi periodi è bene lo spiegarsi,
In altre è preferibile proprio non imbarcarsi.
Grandi ministri, è d’obbligo che tra voi vi chiariate,
E da me solo in séguito che pensi io domandiate.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: