840. OTONE, Atto I., Scena IV.

5 Apr

Scena IV.
OTONE, PLAUTINA.

OTONE.
Fermate, orvia, Signore,
Se prevenir è d’obbligo l’infausto disonore,
L’esempio ricevetene, giudicate se l’onta…

PLAUTINA.
Agli occhj miei trascendere d’insania così pronta!
Il disperare nobile, ch’è proprio dei Romani,
Finché coraggio serbano, han sempre nelle mani,
E fosse meritevole, per voi, per me, d’un tempio,
Non questo ancòra è l’attimo di darmene un esempio.
E’ necessario vivere, ce n’obblighi l’amore,
Perché al padre siate egida, e, per me, un protettore.
Quando v’è noto il vivere mio non dal vostro sciolto,
Mal mio grado è fors’obbligo che quel cuore sconvolto
Un sepolcro a dischiudermi affretti a voi la morte,
E me a un’intollerabile condanni odiosa sorte?

OTONE.
Se tutto da quest’anima devo estirpar l’amore,
Posso io non estinguerne nel sangue il grande ardore?
Posso senza soccombere…

PLAUTINA.
E quando v’ho ordinato
Tutto l’amore estinguere che fu da me donato?
Se iniquità inflessibile di fati non più stanza
Lascia di lieti vincoli alla dolce speranza,
Un altro amore ha nascita i cui voti innocenti
Il commercio sensibile son tutti trascendenti.
Più la fiamma n’è limpida e più è inalterabile,
Dal proprio oggetto rendere sa il cuore inseparabile,
Ed ha piaceri autentici da cui il cuore è incantato,
Ed ha per fine massimo amare, essere amato.

OTONE.
Quanto chiede alta l’anima farsi a tal punto puro!
Quanto anche dai più nobili cuori il suo ricorso è duro!
Signora, permettetemi d’altro farmi assertore:
Tutto quello che tollera l’onore per amore
Un amatore auspica, sperarlo non disprezza,
Male amato vuol credersi se non ne ha sicurezza.

PLAUTINA.
E invece senz’attenderla da me voi m’amerete,
E l’onore che ho a prenderne voi non m’invidierete.
Per Plautina, ah quale estasi, cielo, il dir che davvero
Ha un cuore preferibile ad uno stesso impero,
Che un eroe pronto a reggere da solo l’universo
In prigionieri i palpiti suoi stessi ebbe converso,
E, salvo che desse ordine lei, potestà suprema,
Non gli creava scrupolo sprezzare un diadema!

OTONE.
Solo un amore tepido vedrà ciò con favore,
Se vanità ne vellica un così infausto onore!
Se m’amaste, con fremiti dovreste voi apprendere
Che il mio cuore ad estranei voti possa discendere,
E già lo stesso obbligo di darsi ad altri amori
V’indurrebbe a dividere con me i miei dolori.
E invece nei miei spasimi nulla v’affligge intanto,
Potete Otone perdere senza versare pianto,
Gioja testimoniandogli, e voi stessa aspirate
Alle pene insoffribili che a me son destinate.

PLAUTINA.
Quanto è cieco e illegittimo su me questo giudizio!
I mali risparmiandovi, io aumento il mio supplizio,
Soffro, e voi siete l’unica causa se a me comando
Di sofferenza il carico, e d’andarlo occultando.
Quello che voi fa fremere, lo sento tutto in cuore,
Provo gli stessi spasimi, come ho lo stesso ardore;
Del pari disperandomi, pure lo so celare,
E se pajo insensibile è a farvi men penare.
Fate ora ai vostri aneliti consimile violenza,
Le vampe trattenetene, salvate l’apparenza.
Al presente pericolo s’immoli l’esteriore,
Altri mostrate palpiti, per ottenere amore.
Non voglio a voi precludere una muta agonia,
Purché il volto l’interprete mai di quella non sia,
E purché dal vostr’intimo quegli occhj indipendenti,
E questi miei trionfino degl’imi turbamenti.
L’esempio ormai seguitene, passatelo, e Camilla
Veda una faccia placida, una faccia tranquilla,
Che le renda gradevole quello che le offrirete,
E in nulla cosa confuti quello che le direte.

OTONE.
Ahimè, Donna! ed esprimerle quale dovrò pensiero?

PLAUTINA.
Si tratta del mio vivere, si tratta dell’impero.
Questo vi sia di regola. Passa il tempo, Signore,
Addio, la mano datemi, ma serbatemi il cuore,
O, s’è troppo al mio merito, l’uno e l’altra mi date,
L’amore mio portatevi, e il vostro ritirate;
Ma, se pietà vi suscito in questa mia mestizia,
Voi sempre conservatemi la stima e l’amicizia,
E mai dimenticatevi, monarca divenuto,
Che riceveste ad esserlo da me comando e ajuto.

OTONE solo.
Ah, perché non m’è lecito sviare con la morte
La barbarie di essere così empiamente forte!

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: