Archivio | aprile, 2014

796. Questo sì che è un libro.

29 Apr

Mentre aspetto di ritornare a lavorare, contro ogni speranza [ma anche contro ogni mio principio – non perché i miei principj mi vietino di lavorare, tutt’altro, ma per le condizioni in cui dovrei continuare a lavorare], rileggo & rileggo un libro straordinario, Il lungo viaggio attraverso il fascismo del più grande storiografo del ‘900 italiano, prodotto, testimone e fors’anche martire del subumano padronato italiano, Ruggero Zangrandi (1915-1970).

Continua a leggere

795. Consumare & pagare.

18 Apr

Ce ne sarebbero, veramente, di cose da raccontare; ma sono le più circoscritte le più facili. Non mi connetto più con regolarità, ormai da una vita. L’unica è scrivere le cose a caldo [i sensi di colpa che mi porto dietro per non aver scritto, né qui né altrove (o, altrove, stenograficamente e in modo superficiale, sempre inutilmente riservandomi di riprendere gli appunti in mano) non si possono esprimere, comunicare, spiegare].

Continua a leggere