727. 52.

18 Dic

(52). Le dico questo perché più volte, nel corso degli anni, mentre andavo raccogliendo dati, mi sono trovato nelle condizioni non rifiutare, ci mancherebbe, o tantomeno distruggere materiale audiovisivo Lei riguardante, ché anzi tutte le volte che ci è pervenuto l’abbiamo visto, e anche rivisto, ove ne valesse la pena; ma ho ricevuto, da qualcuno dei nostri informatori, la proposta di assumere materiale di questo tipo, laddove, dall’altra parte, c’era con la massima evidenza la convinzione erronea che a noi occorressero le prove provate, i documenti incontrovertibili certissimi schiaccianti che sono indispensabili a corroborare le verità delle aule di giustizia; per parte nostra, pur non rifiutando — come dissi — nulla di quanto ci era inviato in più rispetto al richiesto, non abbiamo mai fatto nessun conto di quest’in più qualora fosse affidato ai media prefati proprio perché la verità che ci proponevamo di raggiungere e/o tener presente nel suo esplicarsi non era tale da poter essere né confermata né smentita da pseudoprove visive: poiché la verità che ci stava in cuore, più esplicitamente ancòra, non è una verità che si veda — molte cose, e non qualcosa soltanto, mi dicono che è quasi perfettamente inutile scendere in questa sorta di precisazioni, o, meglio, che sarebbe inutile scendere in questa sorta di precisazioni quando si trattasse, da parte mia, di notazioni finalizzate a farLe comprendere la bontà del ragionamento sotteso, ma forse non è altrettanto inutile confermarLe — poiché questo è il mio scopo nel dirLe tanto — che questo è stato il mio e il nostro modo di procedere e d’impostare la questione: non è inutile appunto perché non ci conosciamo, non ancòra, e Lei non può avere nozione né certa né pallida di quali siano i nostri scopi, non sapendo chi siamo, nonsapendo qual siasi la nostra estrazione, come qualmente e per quale motivo noi ci si sia costituiti in società, e molte altre cose, tutte da sapersi per Lei, sulle quali farò luce in queste pagine, e di persona quando — spero (tanto) prestissimo — Lei verrà a Torino per la lettura del etstamento che La benefica, e per sapere che cosa fare del resto della Sua vita; nell’attesa, mi perdoni se a guardia di chiarezza mi permetto una digressioncella, non mica lunga, sulla faccenda delle immagini, che qui, per quanto una digressione possa, cade proprio a fagiuolo, essendo che il più antico documento video registrato che La riguarda risale esattamente a questa data del 18 dicembre da cui la nostra narrazione comincia, e, più precisamente, si rifà proprio a quel preciso istante, le 15.21, in cui Ella, entrando dall’LXXXVI Strada, varcava il limitare del Parco, e adesso Le dico come vennero in possesso nostro quelle immagini, e che idea potetti farmene.

Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: