707. 32.

18 Dic

(32). Ma proprio nel rispondere alla Sua domanda Josiah van Barnavelt aveva avuto quell’espressione che hanno i padri quando intendono non plus ultra, e i figlj devono capire anche in assenza di quella spiegazione che comunque non capirebbero, e si ritrovano, come appunto Lei in questa occasione, di fronte la sola via praticabile dell’illazione, una via da Lei battuta e ribattuta ogniqualvolta un ostacolo alla Sua comprensione o una deficienza di sapere La ponevano di fronte all’ignoto: era questo il caso in cui, sommerso tra le tenebre dell’ignoranza del Suo personale secolo bujo, passava qualche preziosa ora a fabbricare, e di rado a smontare successivamente, ipotesi: esattamente come un Isidoro di Siviglia, poniamo, aveva avuto la ventura, senza sapere fattivamente quando né perché, d’imbroccare qualche esile lampo di verità tra immense caligini d’errori, così anche a Lei occorse, talora, quando il gioco dei possibili non si faceva troppo gratuitamente e capricciosamente in sé e per sé gradevole, qualche buona intuizione, purtroppo per Lei ancòra indistinguibile dalle moltissime cattive: fu questo uno di quei rari casi, si dette il caso, in cui riuscì ad escogitare un insieme di cause e concause molto prossimo alla realtà, fino a un certo punto almeno, ovverossia pensò che quel brevissimo filmato, a differenza dei precedenti due, non fosse affatto stato girato allo scopo di essere rivisto come affettuoso documento familiare; che esso fosse originariamente stato destinato ad una terza persona, o a terze persone, facenti o non facenti parte della famiglia, a cui premeva particolarmente che Edgarda Cheevey tornasse o venisse in possesso dello scrigno nero, e che di conseguenza conveniva fossero informate dell’avvenuta restituzione, quando appunto fosse avvenuta, nel più incontrovertibile dei modi; che il filmato fosse dunque destinato a queste terze persone, o a questa terza persona — mentre, con un po’ di sforzo, era possibile dedurre come mai, allora, pur non essendo destinato ad essere veduto da altri che da questa terza persona, il filmato fosse stato incluso a formare un magro terzetto con le altre due serie d’immagini della nonna: una soluzione altamente plausibile, se non l’unica immaginabile, se non l’unica possibile, era nel fatto che quel filmato, per svolgere il suo scopo, doveva dimostrare che quello scrigno, e nessun altro oggetto al mondo, era passato dalle mani di Josiah van Barnavelt a quelle di Edgarda Cheevey in quel giorno e a quell’ora (come facevano fede le coordinate cronologiche in sovrimpressione accanto allo scorrere dei secondi e dei decimi di secondo, in alto a destra), scopo che il filmato in questione non aveva tuttavia raggiunto, perché, appunto, in esso lo scrigno si vedeva poco e male.

Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: