610. Capriccio XXVI.

22 Ago

DELIZIOSA BAMBINA BIONDA CHE TOSSISCE.

Non m’inganni tu, no, angioletto biondo,
Con quella fresca età ch’alto in te esulta,
Né mi commuove antivederti adulta,
Che ab antico a me il vero mai nascondo.
Poco importa se è tenero, ché fondo
Il petto certo infetto a te sussulta,
E qualche virus la tua fibra insulta,
T’appuzza il sangue, & ti fa il fiato immondo.
Invano sproni il passo tuo lezioso
A corsette, & invano l’occhio pesto
Atteggî a sguardo ignaro & smanceroso:
Dal veder che promessa sei non resto
Pertanto di decubito morboso:
Lungi da me! coll’alito tuo infesto.
Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: