535. Città tentacolare.

24 Apr

In quanto piena di tentazioni, come dice la parola stessa; ma anche città-octopomorfide, che con i suoi prolungamenti e le sue avide ventose fruga e palpa in cerca di bottino, e prende cose. Stanotte pioveva, com’è costume di questa specie di piccola Londra meridionalsfigata, e io non avevo sonno, per quanto il tempo, inteso come weather, paresse conciliare, e anche il tempo inteso come time fosse quello giusto per mettersi giù. Ma non mi andava, sicché mi sono seduto sui gradini del Lux, a destra dando le spalle a via Roma. A sinistra, sempre dando le spalle a via Roma, era sdrajato, letteralmente sopra la sua chitarra, il signor V., colto evidentemente dal sonno come si può essere colti dalla scarica di un fulmine, o da un proditorio colpo di mazza ferrata, in posizione piuttosto strana, completamente spapellata  – ma non morto, perché infatti respirava assai pesantemente – e letteralmente sdrajato sulla fida chitarra, nella nota custodia di tela nera, tanto che c’era da chiedersi come facesse a non scivolare giù. Ho compilato due o tre righe del diario, di cui avevo saltato qualche giorno, ho tradotto un pochino dell’Illusion comique, e poi ho ripreso in mano il Capitale, che devo restituire e che quindi farei bene a finire il prima possibile.

Tra l’Illusion e il Capitale s’è inserito un trio di persone molto barbonesche di complessione, e molto ubriache, che si sono sedute in mezzo, tra il signor V. sdrajato sulla sua chitarra e me che scrivevo quei due versi pensando Ah questi rompipalle. Il primo a prender posto, mentre gli altri bighellonavano barcollando nello spazio antistante, è stato un giovane – gli altri due erano invece sulla cinquantina – devastato dal singhiozzo ed evidentemente tentato di vomitare. Poi si sono uniti anche gli altri due, che si sono poi scambiati con mani temulente sigarette ed effusioni da ciucca sentimentale.

Nonostante mi bruciassero i piedi, ho richiuso il Capitale e con l’aria di aver già deciso in questo senso da tempo immemorabile ho svacantato. Un po’ zoppicando mi sono allontanato prendendo la destra. Un parlottio alle mie spalle mi doveva avvertire che qualcosa si stava preparando. Per raggiungere lo sbocco su via Viotti ci ho messo due minuti buoni, dopodiché mi sono voltato, e ho visto lasciare la grande nicchia del cinema tre figure, piuttosto vispe di andatura, tanto che in sulle prime non le ho collegate alle tre appena viste, una delle quali, la più piccola, recava in spalla una chitarra chiusa in una custodia nera; si sono allontanate, ad una velocità che me le avrebbe sottratte alla vista, coi piedi in quelle condizioni sfido io, anche se avessi pensato di rincorrerle. E’ seguìta la figuretta caracollante del signor V., che ha lanciato un tutto sommato debole “Ahò!”, e si è mosso nella stessa direzione. Li ho seguìti, come potevo, fino in piazza san Carlo, e non saprò mai che direzione hanno preso perché, nel tempo di uscire dalla galleria, si erano tutti e quattro, ladri e derubato, sottratti alla vista, o infilando via Maria Vittoria o addirittura attraversando in diagonale la piazza.

Quando il giovane, il più basso dei tre, si era lasciato cadere sui gradini accanto a me, avevo improvvisamente mollato un sonoro starnuto. “Salute“, mi aveva detto piano, con accento magrebino, cioè vocali gutturali e t arretrata, guardando nella mia direzione, o quella del mio minuscolo zaino. Fortunatamente pieno solo di carta, e vuoto di qualunque cosa d’interesse. “Grazie”, gli avevo risposto; e avevo persino pensato: “Beh, gentile“.

Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: