523. Gashlycrumb Tinies.

18 Feb



Il postaggio di jersera fu un po’ fulmineo; non che non credessi necessario accompagnare l’operazione a qualche succinta indicazione, ma il tempo stringeva, e non ho avuto modo. Non avrei proceduto – o forse sì, ma non adesso – a dedicare un sonetto a ciascuna delle tavole macabre (1963) di Edward Gorey (1925-2000) se non mi fossi ritrovato nella dashboard insistenti link al blog di Antonella Pizzo, che ha appunto manifestato l’intenzione di fare qualcosa del genere, producendo il primo sonetto della serie. Da una parte il sonetto si presenta molto libero, e io non so giudicarlo; ma quello che mi rendeva un po’ perplesso era proprio l’uso del sonetto come epigrafe, in controcanto con l’immagine, parendomi un po’ lunghetto. Gorey, peraltro, ha pensato solamente a un verso per tavola. Dato che non sapevo come il sonetto e immagini potessero associarsi, mi sono voluto provare a mia volta.

Ringrazio alcor per la segnalazione dell’errore di battitura sfuggitomi nel titolo; mi sono sforzato anche di ridurre il formato delle immagini e del testo, in modo che tutto stia incolonnato; benché il risultato non mondi nespole, non credo sia possibile far meglio. Per una definizione migliore delle immagini, guardate qui.

A sta per AMY, che cadde dalle scale.
AMY, ch’è piccolina, posto male,
Parrebbe, il suo minuscolo piedino
Sul primo (e più fatidico) gradino,
Fa a capofitto, ahilei, tutte le scale.
Cade così chi il passo incipitale
Trascura; ché ha precipite destino
Chi ignora che, se più passi ha il cammino,
Tutto il cammino il primo passo vale.
La malferma innocenza rappresenta
La figuretta bianca, che risalta
Sopra il nero scaleo in cui s’avventa;
Così piccolo piede tale salta
Da grande altezza; così in basso spenta
Giace chi mai non diverrà più alta.
B sta per BASIL, assalito da orsi.
Non solamente, oh BASIL, la stanzetta
Donde ora sei lontano, sulle piume
Dei tuoi sonni l’amabile volume
Di qualche orsatto morbido ricetta;
D’eguale forma, ma di men ristretta
Dimensione, Natura ne sussume;
E alcuno che, al crepuscolo, orché il lume
Del dì declina, proprio qui t’aspetta!
Quanto le solitudini ignorate
Trascendono la casa che hai smarrito,
Queste forme così sono sformate.
Là a casa, in un libercolo sdrucito
C’era scritto che son sempre affamate.
Ma t’annojava, e non l’hai mai finito.
C sta per CLARA, che morì di consunzione.
Non solamente la brancuta Morte
Sfiorisce e sforma le fisionomie,
E tabi insinua e induce cachessie
In chi ha l’età d’attender tale sorte;
Talvolta per le vie più ignote e torte
Penetra in fresca fibra, e, bizzarrie
Di Natura, vi chiama malattie
Prima di sera a far le ombre già corte.
Se non ci credi, oh bimbo, guarda CLARA
Come la propria morte prefigura
Col teschio del suo volto; & quindi impara,
Se mai chiedi il perché della più dura
Sorte, che spesso agli innocenti è avara,
Che risposta non c’è; o non è sicura.
D sta per DESMOND, sbalzato da una slitta.
Preposto a passatempo, le ali ai venti
Ruba d’inverno il lubrico veicolo,
E fatto in ghiaccj un duplicato vicolo
Sempre s’apre cammini divertenti.
Ignora chi lo monta che i portenti
Suoi per metà si prestano al ridicolo;
Chi sempre va, non manca mai pericolo
Ch’o intralcj il passo, o che sventure avventi.
Sopra i geli invernali scivolando
La slitta sempre va, con lama doppia;
Ma avverta bene chi la sta montando
Che talora va troppo, e il troppo stroppia;
E che se anch’essa va, pure essa, andando,
Col passeggero non va sempre in coppia.
E sta per ERNEST, che fu strozzato da una pesca.
ERNEST, non mi pareva tanto il desco
Quanto mi pare, ad osservarlo, grande,
Condegnamente ricco di vivande
Al tuo appetito, ch’è gargantuesco;
Sicché a trovarne il gran perché non riesco;
Né alla fame, che i suoi dominj espande
Solitamente in case miserande,
Né a che brama può dar frutto di pesco.
Ma a più ragione, inquantoché mancato
È il fomite fattivo acché aggredito
Fosse con tanto spasmo sfondolato
Il frutto, quasi fosse il proibito,
Comunque ardendo d’esso, in gran peccato
Sei caduto; e perciò sei ben punito.
F sta per FANNY, prosciugata da una sanguisuga.
FANNY, che esponi tenera la fibra
All’acqueo specchio, sotto cui non sai
Quali apra fauci, o scopra zanne mai
Strana fauna, che lì repe, o si libra,
I pericoli tuoi pondera, & cribra,
Seppur goccia di sangue in te ancóra hai,
Che ossigeno pur rechi ai focolaj
Delle idee, e la condotta tua equilibra.
Riconosci in te stessa, che inseguendo
Ai caldi statereccj in ciò i ristori,
I calori vitali stai perdendo,
Il malcauto perché dei tuoi dolori;
E a proporzion dell’onta impallidendo,
Tra i caldi estuosi raggelando muori.

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: