Archivio | 09:41

497. Stanotte.

22 Dic

E invece non è andata manco male;
Ho scorto un libro sopra il Kircher, via
Po, l’unica o quasi libreria
Aperta a mezzanotte; sempre uguale
Ha segnato il termometro, e il natale
Di Mitra ora è canuto. Su una scia
D’estranei geli ho fatto in ferrovia
Viaggio, andata e ritorno. Un’amicale
Sala d’aspetto ora (le 3.00) m’accoglie.
Domani fuggirò, a cercare ajuto,
O nulla, purché in non già note soglie.
Tutta sera ho rimpianto il più diruto
Buco in cui riparare. Mi distoglie
Dall’idea, qui, il tepore, e un sonno bruto.