456. Trattato dell’epigramma. Sezione II.

11 Nov

SEZIONE II. DEFINIZIONE DELL’EPIGRAMMA.

 

L’Epigramma, del tipo che pratichiamo oggi, è dunque: Qualunque Poesia breve, che designi e rilevi ingenuamente una persona o un’azione o un detto memorabile; o che inferisca una cosa inaspettata da un’affermazione data, sia straordinaria o comune.

Dico ogni Poesia, non perché ogni tipo di Poesia sia Epigramma, né che ogni Epigramma rappresenti ogni tipo di Poesia, ciò che sarebbe ridicolo a dirsi. Ma solamente per esprimere la frase Latina quodvis Poëma, o piuttosto per giustificare anche questa verità, che la giursdizione dell’Epigramma si estende a tutte le materie, e fra tutte specialmente sugli aspetti morali, naturali, fittizî e immaginarî. Aggiungo: Qualunque Poesia breve, dal momento che l’Epigramma dev’essere corto e concentrato: e in quanto maggior grado essa presenti queste qualità, tanto sia migliore; dal momento che essa risente maggiormente della sua prima origine, allorché altro non era che una semplice Iscrizione, che, come ho detto qui sopra, consisteva in una sola parola, o nel numero di parole che era possibile scrivere sopra una porta nel fregio frapposto tra architrave e cornice, sostenuti dai capitelli delle colonne.

Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: