397. Dalla Clio di Quevedo II.

19 Ott

ALLA STESSA STATUA.
Bronzeo più della bronzea tua figura
È chi ti vede, e che non piange allora;
Quando già il sentimento che t’adora
Fuse metalli a darti forma dura.
Vuol col ferro la tua cavalcatura
Premer liquide strade, che l’Aurora
Profuma andando, per cui apre Flora
Varia e feconda ognuna sua fattura.
Dura vita con mano lusinghiera
Diede in Firenze artiere a te ingegnoso,
Sicché regni e in superna e in mortal sfera.
Questo ch’imita te bronzo è virtuoso;
Quale sarebbe al fato gloria altèra
Se in anni lo imitassi numeroso!
Annunci

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: