Archivio | 12:43

365. Capriccio VII.

14 Ott

TOSSICO RICCIVTO. INFERIVA, DAL FATTO CHE TVTTI I TOSSICI HANNO FOLTE CHIOME, OVVERO DAL FATTO CHE NESSVN TOSSICO A LVI NOTO FOSSE, COME LVI, PELATO COME VN GINOCCHIO, CHE LA DROGA AVESSE VIRTV’ DI PRESERVARE I CAPELLI.
Grazie ai veleni che una sconcia azione
Ogni giorno commessa contro te
T’inietta, sfoggj, e non lo so com’è,
Di riccj un casco da competizione.
A me alterato ha la circolazione
Altro veleno, che ha virtù in sé
Di fare spazio ai lauri; e posto che
Giungano, intanto è la desolazione.
Tu alla vicina morte con le chiome
Scure e lussureggianti corri e vai;
Della vecchiaja le precoci some
Sul gobbo, io spero non morire mai;
Per la mia eternità solo di nome,
Però, se mi dài vita, non morrai.