281. Venti.

5 Set

All’annunciarsi dell’Autunno, riscontrava che allo stagionale risvegliarsi dei Venti e al ritorno in massa dei Torinesi dalle Vacanze Estive, faceva curioso e pressoché incredibile Riscontro una quantità di casi d’incomodissime Flatulenze; & faceva tra sé qualche Riflesso.

Sonetto.

Eolo irritato all’opera ritorna,
Sbuffa al pensar le prossime fatìche,
Abbandonando ormai le grotte antiche
In cui d’estate placido soggiorna.
Ma con ben altre raffiche si scorna,
Che scorron non soltanto in plaghe apriche,
E che non sempre (all’uomo più nemiche)
In campo aperto il nume o sperde o storna.
Nati da estuosi torpidi fermenti,
Dall’alvo arso che li ospita e disserra
Figlia anche l’uomo contro l’uomo i venti!
Se, d’Eolo a contrastar l’aperta guerra,
Gli sbatto in faccia ermetici battenti,
V’è un peggior vento, che mi sbatte in terra.

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: