Archivio | 12:14

232. Descrizione.

10 Feb

Un’immagine ho visto, in cui ben terso
Neonato di trecentomila anni
Questo coacervo di violenze e affanni
Si vedeva ritratto, l’Universo.
   Dal centro ardente donde è poi emerso
Quanto è materia, vita, spasmi e danni
Deversava sui suoi fulminei vanni
In globi e filamenti il fuoco sperso.
  Non si vedeva che un’orizzontale
Banda di luce, in centro, ché di sfera
Aveva forma il cosmo originale;
  Questa più esterna luce la prima era
A giungere; & il resto del totale
Del Nulla genitore era ombra nera.