Archivio | 19:09

117. Ho cambiato idea.

24 Apr

Io AMO la vita.

116. Abbasso il venticinque aprile.

24 Apr

DOMANI E’ UNA GIORNATA DI MERDA.

115. L’Hoggidì secondo Tommaso Stigliani.

24 Apr

[…]

Troppo è casuale la piega dell’opinion popolare e degli imperiti, e troppo è violenta ed indiscreta. S’assomiglia appunto al torrente che corre, il quale non tratta meglio gli scrigni pieni di gioie di quel che si faccia i zocchi fracidi, ma involve sottosopra in un fascio le cose preziose colle vili e communi. Questi sì fatti pericoli se fussero stati ben considerati da coloro a cui toccano, non sarebbe cresciuto in infinito il numero de’ versificatori italiani, come il veggiamo essere. Che per mia fé non è città d’Italia da cento anni in qua, non terra, non castello, non villa, non borgo, il quale non abbia i suoi poeti, che tutto il dì scrivono rime ed epopee e tragedie pastorali, e le stampano. Onde i libri son moltiplicati sì smisuratamente e sì fuor d’ogni termine, che solo a far catalogo de’ nomi non basterebbe un grossissimo tomo simile al Codice legale. E la fama de’ Lombardi non giunge in Toscana, e quella de’ Toscani non si stende al Tevere, né di molti accademici romani arriva la nuova a Napoli, il quale ancor egli tien relegata dentro al giro delle proprie muraglie la nominanza de’ suoi poetucoli vani.

E lo stesso ch’avviene in Regno alla città madre, avviene alle città figliuole, se pur non peggio. Taccio di Sicilia e di Sardigna e di Corsica, isole tutte attenenti alla nazion nostrale, e che nostralmente parlano ed iscrivono, dove i verseggianti sono tanto incogniti che, non che l’uno non conosca l’altro, ma appena ciascuno conosce sé medesimo. A tal che tutto lo scrivere poetico d’Italia altro non viene ad essere ch’uno ampio abisso d’oblivione, ed uno interminabile oceano di dimenticanza e di disprezzo. I quali inconvenienti hanno cagionato che ‘l mondo s’è talmente stufo, talmente sazio, e talmente svogliato, che né meno legge gli scrittori buoni e i valenti, con tutto che gli senta spesso lodar da chi ha giudicio, perché “stomaco turbato aborrisce il zucchero” e “cane scottato teme l’acqua fredda […]. Poiché quando uno va spontaneamente a cozzar col capo in una parete, non è la pietra che gli rompe la testa, ma è egli che si rompe la testa nella pietra.

Un tempo i lettori si contentarono d’una lettura non cattiva, poi volsero eccellenza, appresso desiderarono maraviglie, ed oggi cercano stupori; ma, dopo avergli trovati, gli hanno anco in fastidio, ed aspirano a trasecolamenti ed a strabiliazioni. Che dobbiamo noi fare in così schivo tempo ed in così delicata età e bizarra, il cui gusto si è tanto incallito e tanto ottuso che oramai non sente più nulla? …

Tommaso Stigliani, Lettera al Signor Rodrigo **** “Esorta l’amico a non pubblicare alcune rime, e discorre del Marinismo” [Di Matera, 4 marzo 1636]. Da: Giovan Battista Marino, Epistolario seguìto da lettere di altri scrittori del Seicento, vol. I, a cura di Angelo Borzelli e Fausto Nicolini. Laterza, Bari 1912. Pp. 341-347.

114. A quella schifa di lamanu’s art.

24 Apr

Allora, prima di tutto barbone a tua sorella e alla tua mammaccia, personacce che mi pregio di non conoscere, esattamente come non conosco te.
Ti rendo edotta che il tuo blog mi fa skifo, il tuo modo di scrivere mi dà il voltastomaco e la presenza di Amélie e del vecchio psicagogo polacco mi t’hanno fatta cadere dal libro in maniera irrecuperabile e definitiva — come dire: prima ti disprezzavo, adesso non solo mi disgusti, ma nutro anche del rancore nei tuoi confronti.
Tutto questo, diciamo, senza conoscerti, anche se non mi serve nemmeno chiudere gli occhj per visualizzarti, e posso dirti che se come blogger sei una slavina, come donna sei un classico cessone: tracagnotta, brufolosa, con le gambe a chiappa dell’olio e le tette ad altorilievo.
Prima di linkare chicchessia si chiede il permesso. Tu non me lo hai chiesto, e questo è grave; ma attenzione: anche se me lo avessi chiesto col cazzo che te lo avrei permesso.
Cancella sùbito il link, brutta cialtrona, o ti faccio cascare le orecchie.