CLXXXI.

17 Gen

CLXXXI. E’ proprio il caso di dire Nascondi la tua vita ed espandi l’anima, in certi casi. Come nel caso di ieri sera, per esempio, che è stata una sera diversa dalle solite, non nel senso che sia successo chissà che, ma nel senso che un ragazzo mi ha attaccato bottone, in biblioteca, mi ha parlato di sé, ha fatto parlare me di me, indi mi ha invitato a cena. Dove (tra intercenale e dopocena) mi sono pur dovuto, alla fin fine, risolvere a raccontare per filo e per segno (grosso modo) che cosa è successo. E cioè che me ne sono andato ex-abrupto da una città, che me ne sono andato in un’altra città, dove ho vivacchiato per strada per una decina di giorni, dopodiché me ne sono venuto a Torino, dove una persona conosciuta (?) in Rete mi ha consigliato di venir lì perché forse c’era un lavoro; dopodiché, giunto a Torino, ho incontrato quella persona e poi un’altra, la quale mi ha introdotto al magico mondo dei dormitorii pubblici (a partire dal Sermig, presso cui ho dormito solo in séguito, per una notte), mi ha generosamente foraggiato per un annetto e poi basta. E adesso eccomi qui.

Alla fine di tutta la patafiacca mi ha detto, serafico: Potresti chiedere l’elemosina.

Abbisognano commenti?

Esprimi pure (prego) la Tua garbata opinione!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: